Home » Omelie » Omelia per l’Ascensione del Signore

Omelia per l’Ascensione del Signore

del p. Michail Pomazanskij


Difficile evitare il sentimento di tristezza ora che è giunta l’apodosi della Pasqua e non si canta più «Cristo è risorto». Però, nel giorno della festa dell’Ascensione del Signore, la Chiesa ci chiama alla gioia: proprio come una madre che cerca di suscitare un sorriso nel suo bambino ferito sorridendo.

Ma la chiamata della Chiesa è audace, forte e ferma. La Chiesa apparentemente ha conoscenza di qualcosa di nuovo che l’Ascensione ci ha portato. Gli Apostoli superarono rapidamente il loro senso di smarrimento e tornarono dal Monte degli Ulivi «con gioia grande» (Lc 24, 52). Cosa era accaduto per produrre tanta beatitudine, cosa aveva dissolto il loro dolore personale?

Gli scritti degli Apostoli ci rivelano i grandi benefici connessi con l’Ascensione di Cristo.
La prima verità: il Signore è asceso per intercedere per noi presso il Padre suo, per amore del suo sacrificio sulla croce. Egli è l’Agnello immolato per noi, in piedi davanti al Trono Divino, ed è lo stesso Sommo Sacerdote, l’Intercessore che ha fatto il Sacrificio. Infatti, se fosse sulla terra, non sarebbe veramente sacerdote,come ha chiarito l’apostolo Paolo, poiché il sacrificio sulla terra è solo un’immagine e un’ombra di quello celeste. Ma, come «Mediatore di un’alleanza migliore», Egli entrò nel «cielo stesso, per comparire ora alla presenza di Dio per noi» (Ebrei 8, 9). E il Padre, amando il Figlio, non solo ha accettato il suo sacrificio per il mondo intero, ma gli ha concesso il potere sul mondo e il giudizio del mondo. Il Figlio di Dio ha preso su di sé la nostra risposta. «Chi condannerà gli eletti di Dio? Dio li giustifica. Chi porterà la condanna? Cristo è morto, ma è risorto: è alla destra di Dio, intercede per noi». «Se Dio è con noi, chi sarà contro di noi?». Questa è la gioia iniziale dell’Ascensione.

Ma poi ci viene rivelata un’altra verità.

Con la sua Ascensione, il Signore ha unito il cielo e la terra e ha aperto le porte del cielo all’umanità. Il paradiso è divenuto accessibile all’uomo, è divenuto desiderabile, è divenuto proprietà dell’umanità. «Ecco, io vedo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo stare alla destra di Dio» (At 7, 56) esclamò il santo Protomartire Stefano. E l’apostolo Paolo disse, parlando di sé: «Ho conosciuto un uomo” rapito fino al terzo cielo “e che udì parole indicibili, che a un uomo non è lecito pronunciare.» Non ci sono confini, nessuna limitazione, l’ingresso è libero nel Regno dei Cieli.

Quando meditiamo su questo pensiero, esso cresce nella nostra coscienza e nei nostri cuori, trasformandosi in una nuova celebrazione. Il Signore regna. Egli chiama quelli che credono in Lui, li consola, ponendoli sui troni, facendone suoi coeredi, partecipi della sua gloria. «Dove sono io, sarete anche voi», «vado a prepararvi un posto», disse il Signore ai suoi Apostoli. «E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro», testimoniò al Padre suo. Il paradiso divenne la sala nuzialee dello Sposo e della Chiesa Celeste, Sua Sposa. Al posto della Gerusalemme terrena risplende una città celeste, «la Gerusalemme che è in alto è libera, lei che è la madre di tutti noi». E i credenti, mentre sono ancora sulla terra e sanno di essere membri della Chiesa terrena, elevano già i loro pensieri a questo Regno di Gloria. «Carissimi, ora siamo figli di Dio, e non sembra ancora ciò che saremo: ma sappiamo che, quando apparirà, saremo come lui; poiché lo vedremo così com’è» (1 Giovanni 3, 2). «Se soffriamo, con lui anche regneremo» (2 Timoteo 2, 12). «Sappiamo infatti che se la nostra casa terrena di questo tabernacolo fosse dissolta, abbiamo un edificio di Dio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna nei cieli» (2 Corinzi 5, 1). Così dice l’Apostolo «se non vacilliamo», «se rimaniamo fedeli», «ovvero vestiti, non saremo trovati nudi».

Ma il mondo non fu abbandonato con l’Ascensione di Cristo, non fu orfano? Il Signore stesso risponde a questo, consolando i suoi discepoli prima delle sue sofferenze: «poiché se non me ne vado, non verrà da voi il Consolatore; ma se me ne vado, ve lo manderò» (Giovanni 16, 7), cioè lo Spirito Consolatore. La dipartita corporea del Figlio di Dio è legata alla discesa sulla terra degli abbondanti doni dello Spirito Santo, di cui profetizzò Gioele, citato dall’apostolo Pietro nel giorno di Pentecoste: «negli ultimi giorni, dice Dio, io spanderò del mio Spirito su ogni carne: e i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, e i vostri giovani avranno visioni, e i vostri anziani sogneranno sogni: e sui miei servi e sui miei ancelle effonderò in quei giorni del mio Spirito; e profetizzeranno» (Atti 2, 17-18). La portatrice della grazia è la Chiesa terrena di Cristo. Con la sua discesa, lo Spirito Santo ha creato dalla Chiesa un paradiso terrestre, e gli eletti di questa terra fino alla morte li mostrerà come “angeli terreni”, facendo risplendere per il mondo i frutti dello Spirito: amore, gioia, pace , longanimità, beatitudine, misericordia, fede, mansuetudine, sobrietà; gli “angeli terreni” che sigillando la loro fede con il rifiuto del mondo e di tutto ciò che è in esso, attraverso il martirio e la confessione. La terra divenne così una parte del cielo, un ingresso al cielo.
Ma il male opera ancora sulla terra, combattendo contro Cristo e la sua Chiesa; il mistero dell’iniquità è all’opera, e giunge il tempo in cui sarà manifestato nel Figlio della Perdizione, l’Anticristo. Il mondo attende ancora la sua purificazione attraverso il fuoco e proprio l’ora in cui il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria per giudicare il mondo. Ecco perché nella festa dell’Ascensione ricordiamo la seconda venuta del Signore. «Perché state a fissare il cielo? Questo stesso Gesù, che è stato assunto di tra voi in cielo, verrà così come l’avete visto salire in cielo» (Atti 1, 11).

Non a caso con le parole che sono state lette «tornarono con gioia grande», la profonda saggezza della buona novella è espressa nella sua forma più breve. Gli scritti degli Apostoli sono pieni di questo significato.

Come non desiderare di partecipare alla gioia dell’Ascensione del Signore?


Leave a comment

Questo sito: qualche informazione in più
Se volete, potete iscrivervi alla nostra Newsletter.
Alcuni collegamenti ad altri siti.

Parole di Vita
La nostra Newsletter

  • 3 / 16 Giugno 2024 Settima Domenica di Pasqua Domenica dei Padri del Primo Concilio […]
  • PAROLE DI VITA N. 60 27 Maggio / 9 Giugno 2024 Sesta Domenica di Pasqua […]

Su Anastasis

Orthodox Calendar