Home » Letture domenicali e festive » Guarigione dei due ciechi

Guarigione dei due ciechi

Commento alla pericope evangelica della settima Domenica di Matteo. (Matteo 9, 27-35)
Dal Commento al Vangelo secondo Matteo del Beato Teofilatto, Arcivescovo di Ochrid e Bulgaria

 

27. E mentre Gesù si allontanava di là, due ciechi lo seguivano e gridando dicevano: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!» I ciechi rivolgevano a Dio le parole “abbi pietà”, ma come a un uomo, “o Figlio di Davide”. Perché era ben noto tra gli ebrei che il Messia sarebbe venuto dal seme di Davide.

28. Entrato in casa, i ciechi gli si accostarono, e Gesù dice loro: «Credete che io abbia il potere di farlo?» Gli rispondono: «Sì, Signore!» Condusse i ciechi fino alla casa, per mostrare la loro fede incrollabile e condannare così i Giudei. Chiede loro se credono, mostrando che la fede può compiere ogni cosa.

29-30. Allora toccò loro gli occhi e disse: «Sia fatto a voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi. Ha guarito in casa e in privato, per mostrarci come evitare la vanagloria. In tutto ciò che ha fatto ha insegnato l’umiltà.

30-31. Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Guardate che nessuno lo sappia». Ma essi, appena usciti, ne sparsero la fama in tutta quella regione. Vedi l’umiltà di Cristo? Diffondono la sua fama per ringraziare, non per disobbedienza. Anche se in un altro luogo Cristo dice: “Andate e narrate la gloria di Dio” [Lc 8, 39], non c’è nulla di contraddittorio in questo. Perché vuole che non dicano nulla riguardo a lui, ma che parlino della gloria di Dio.

32-33. Usciti costoro, gli presentarono un uomo muto, indemoniato. Cacciato il demonio, il muto parlò. La malattia non era naturale, ma di origine demoniaca. Questo è il motivo per cui altri lo hanno portato innanzi. Lui stesso non poteva invocare Gesù, perché il demonio gli aveva legato la lingua. Perciò Gesù non esige da lui la fede, ma subito lo guarisce scacciando il demonio che gli aveva impedito di parlare. E la folla presa da stupore diceva: «Mai si è visto nulla di simile in Israele!» La moltitudine si meravigliava, ponendo Cristo anche al di sopra dei profeti e dei patriarchi. Perché aveva guarito con autorità, a differenza di quelli che prima dovevano pregare. Ma vediamo cosa dissero i farisei.

34. Ma i farisei dicevano: «Caccia i demoni per mezzo del principe dei demoni». Queste parole sono il massimo della stupidità, perché nessun demone scaccia altri demoni. Ma supponiamo che scacciasse i demoni come uno che serviva il principe dei demoni, cioè come un mago. Come avrebbe fatto a guarire le malattie, perdonare i peccati e predicare il Regno? Perché il demone fa esattamente l’opposto: porta malattie e separa l’uomo da Dio.

35. Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e curando ogni malattia e infermità nel popolo. Come amante degli uomini, non attese che venissero a lui, ma andò stesso tutt’intorno. Quindi nessuno poteva dire come scusa che “nessuno ci ha insegnato”. Li attira a sé con parole e azioni, insegnando e operando meraviglie.


Leave a comment

Questo sito: qualche informazione in più
Se volete, potete iscrivervi alla nostra Newsletter.
Alcuni collegamenti ad altri siti.

Parole di Vita
La nostra Newsletter

  • 1 / 14 Aprile 2024 Quarta Domenica di Quaresima di San Giovanni Climaco Versione PDF: […]
  • 25 Marzo / 7 Aprile 2024 Terza Domenica di Quaresima Adorazione della Veneranda Croce Annunciazione […]

Su Anastasis

Orthodox Calendar