Home » Spiritualità » «Sia di me secondo la tua parola»

«Sia di me secondo la tua parola»

Riflessioni sull’Annunciazione di p. Georgij Florovskij

«Oggi è il principio della nostra salvezza e la manifestazione dell’eterno mistero: Il Figlio di Dio diviene Figlio della Vergine e Gabriele annunzia la grazia. Con lui gridiamo alla Deipara: Rallegrati o piena di grazia, il Signore è con te.»

Ancora una volta, l’Annunciazione è “il principio la nostra salvezza e la manifestazione dell’eterno mistero: Il Figlio di Dio diviene Figlio della Vergine e Gabriele annunzia la grazia. Con lui gridiamo alla Deipara: Rallegrati o piena di grazia” (Tropario della Festa dell’Annunciazione) . La volontà divina è stata dichiarata e proclamata dall’arcangelo. Ma la Vergine non rimase in silenzio. Lei ha risposto alla chiamata divina, ha risposto con umiltà e fede. «Ecco la serva del Signore; avvenga di me secondo la tua parola». La volontà divina viene accettata e riceve risposta. E questa risposta umana è molto rilevante a questo punto. L’obbedienza di Maria controbilancia la disobbedienza di Eva. In questo senso la Vergine Maria è la Seconda Eva, come suo Figlio è il Secondo Adamo.
Questo parallelo è stato tracciato abbastanza presto. Il più antico testimone ne è san Giustino (Dial., 100), e in sant’Ireneo troviamo già una concezione elaborata, organicamente connessa con la sua idea fondamentale della ricapitolazione. “Come Eva fu sedotta dalla parola di un angelo [caduto], tanto da fuggire Dio, trasgredendo la sua parola, così anche Maria ricevette la buona novella per mezzo della parola dell’angelo, così da portare Dio in sé, obbedendo alla sua Parola. E sebbene la prima abbia disobbedito a Dio, tuttavia l’altra è stata portata ad obbedire a Dio, affinché della vergine Eva la vergine Maria diventasse avvocata. E, come da una vergine il genere umano era stato legato alla morte, una vergine esso è salvato, poiché l’equilibrio è preservato, la disobbedienza di una vergine mediante l’obbedienza di una vergine vergine» (5, 19, 1). E ancora: «E così il nodo della disobbedienza di Eva venne sciolto mediante l’obbedienza di Maria; infatti Eva, vergine, legata dall’incredulità, Maria, vergine, sciolta dalla fede» (3, 22, 34 ). Questa concezione era tradizionale, soprattutto nell’insegnamento catechetico, sia in Oriente che in Occidente. «È un grande Mistero [“magnum sacramentum”] che, mentre per mezzo della donna la morte è diventata nostra porzione, così dalla donna ci è nata la vita», dice sant’Agostino (De Agone Christ., 24, altrove si limita a citare Ireneo). ). «Morte per Eva, vita per Maria», dichiara san Girolamo (Epist. 22: “mors per Evam, vita per Mariam”).
Vorrei citare anche un mirabile e conciso brano di una delle prediche del metropolita Filarete di Mosca (1782-1867). Predicava il giorno dell’Annunciazione. «Nei giorni della creazione del mondo, quando Dio pronunciò le sue parole vive e potenti: “Sia fatto”, le parole del Creatore fecero esistere le creature. Ma nel giorno, unico nell’esistenza del mondo, in cui Santa Maria disse la sua umile e obbediente “Sia fatto”, difficilmente oserei esprimere ciò che accadde allora: la parola della creatura fece scendere il Creatore nel mondo. Anche qui Dio pronunciò la sua parola: “concepirai nel tuo grembo e partorirai un figlio . . . Egli sarà grande. . . e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe”». Ma ancora accade ciò che è divino e incomprensibile: lo stesso Verbo di Dio rinvia la sua azione, lasciandosi ritardare dalla parola di Maria: Come può avvenire ciò? Il suo umile “sia fatto” era necessario per la realizzazione della potenza di Dio. Che potere segreto è quindi racchiuso in queste semplici parole: “Ecco, io sono la serva del Signore; sia fatto di me secondo la tua volontà» – da produrre un effetto così straordinario? Questa potenza meravigliosa è la pura e perfetta dedizione di Maria a Dio, una dedizione della sua volontà, del suo pensiero, della sua anima, di tutta la sua essere, di tutte le sue facoltà, di tutte le sue azioni, di tutte le sue speranze e aspettative.» [Choix de Sermons et Discours de S. Em. Mons. Filarete, Metropolite de Mosca, traduits par A. Serpinet (Parigi, 1866, T. 1, p. 187)].
L’Incarnazione è stata sì un atto sovrano di Dio, ma è stata una rivelazione non solo della sua potenza onnipotente, ma soprattutto del suo amore paterno e della sua compassione. Era in esso implicato ancora una volta un appello alla libertà umana, come un appello alla libertà era implicato nell’atto stesso della creazione, cioè nella creazione di esseri razionali. L’iniziativa era ovviamente divina. Tuttavia, poiché il mezzo di salvezza scelto da Dio doveva essere l’assunzione della vera natura umana da parte di una Persona divina, l’uomo doveva partecipare attivamente al mistero. Maria esprimeva questa risposta obbediente dell’uomo al decreto redentore dell’amore divino, e quindi era rappresentativa dell’intera nostra razza. Ella esemplificava nella sua persona, per così dire, l’umanità intera. Questa accettazione obbediente e gioiosa del disegno redentore di Dio, così magnificamente espresso nel Magnificat, è stato un atto di libertà. Si trattava, infatti, di libertà di obbedienza, non di iniziativa – ma pur sempreuna vera libertà, libertà di amore e di adorazione, di umiltà e di fiducia – e libertà di cooperazione (cfr sant’Ireneo, Adv. Haeres., 3, 21, 8: «Maria coopera all’economia [della salvezza]») — proprio questo significa la libertà umana. La grazia di Dio non può mai essere semplicemente aggiunta, per così dire meccanicamente. Deve essere ricevuto in libera obbedienza e sottomissione.

Da “La sempre vergine Deipara” dell’arciprete Georgij Florovsky.


Leave a comment

Questo sito: qualche informazione in più
Se volete, potete iscrivervi alla nostra Newsletter.
Alcuni collegamenti ad altri siti.

Parole di Vita
La nostra Newsletter

  • 6 / 19 Maggio 2024 Terza Domenica di Pasqua Domenica delle Mirofore Santa Tamara di […]
  • 29 Aprile / 12 Maggio 2024 Seconda Domenica di Pasqua o Antipascha Domenica di Tommaso […]

Su Anastasis

Orthodox Calendar