Insegnamenti sui pensieri impuri e sulla preghiera

di Sant’ Ambrogio di Optina

1

Qualcuno chiese allo Staretz Ambrogio di Optina:

«Padre, quando, contro la mia volontà, pensieri impuri passano per la mia mente, sto peccando?»

«Ascolta, figlia mia», rispose lo Staretz. «Una certa asceta, Ekaterina Seneiskaya, fu a lungo tormentata da pensieri impuri. Alla fine, Cristo la visitò e subito i pensieri si allontanarono. “Dov’eri tutto questo tempo, mio dolce Gesù?” gli chiese. “Ero nel tuo cuore”, rispose Lui.
“Nel mio cuore? Ma come può essere, dal momento che è pieno di pensieri impuri?”
“Sappi che ero nel tuo cuore, perché non hai accettato nessuno di quei pensieri. Al contrario, ti sei sforzata di bandirli. Non potevi liberarti da loro ed eri angosciata, ma hai lottato contro di loro. In questo modo mi hai fatto spazio nel tuo cuore.”»

Quale conclusione possiamo trarne, allora? Quando non acconsentiamo ai pensieri impuri, non abbiamo alcuna colpa per essi.

* * *

Parlando con un monaco della preghiera di Gesù e dei pensieri vergognosi, lo Staretz gli narrò questo sorprendente racconto:

«Un fratello chiese a un altro fratello: “Chi ti ha insegnato la preghiera di Gesù?” . E lui rispose: “I demoni”. “Ma è possibile una cosa del genere?” Certo! Mi hanno assalito con pensieri impuri e io mi sono difeso dicendo la preghiera di Gesù, ed è così che l’ho imparato bene.”»

* * *

2

«Batiuska», chiese un monaco a padre Ambrogio, «cosa devo fare? Quando eseguo la mia regola di preghiera, la mia testa si riempie di migliaia di pensieri».

«Ascolta, fratello mio. Un uomo attraversa un mercato. Intorno a lui c’è una folla di persone, grida, rumore: un vero putiferio! Ma lui non presta attenzione a ciò che gli accade intorno. Si limita a farsi gli affari suoi, gridando al suo cavallo, “stupido, stupido!” E a poco a poco attraversa l’intero mercato. Fai anche tu alla stessa maniera. Non importa cosa dicono i pensieri, rimani concentrato sui tuoi affari: prega!»

(*) Fonte: Ἅγιος Κυπριανός, n. 269 (maggio-giugno 2000), p. 320.

Lascia un commento